Mantra Tibetani: significato e uso dei principali mantra buddhisti

Mantra TibetaniLe varie forme e tipi di Mantra Tibetani sono strettamente connessi al concetto di Bodhisattva della filosofia buddhista. Il principale obiettivo dell’utilizzo di questi mantra nella vita quotidiana è quello di ottenere la liberazione dalle sofferenze che spesso e volentieri ci troviamo a dover sopportare.

Il Buddhismo Mahayana ha elaborato ulteriormente questo obiettivo dato che lo considerava in qualche modo “troppo egoista”, essendo concentrato particolarmente nella liberazione di sé stessi e basta. L’obiettivo non può essere quindi solo quello di liberarsi ma anche quello di essere strumento di liberazione per altri.

Così ha preso particolarmente piede la figura del Bodhisattva non solo come essere archetipico il cui nome (recitato nei mantra tibetani) porta con sé specifiche qualità, ma anche come definizione di “colui che ha preso l’impegno di ottenere la liberazione”, ovvero il praticante, in sanscrito lo Yogi.

Così non c’è un solo mantra tibetano (o mantra buddhista che dir si voglia) ma ce ne sono diversi e spesso si riferiscono a specifici Bodhisattva che attivano nel praticante, recitandone il nome contenuto nel mantra, specifiche caratteristiche o virtù. Vediamone e sentiamone tra tra i più importanti insieme…

PTM_Orizzontale

Mantra Avalokiteshvara: Om Mani Padme Hum

Questo mantra tibetano è probabilmente il più famoso di tutti e immagino che anche tu lo abbia già sentito. Avalokiteshvara è il Bodhisattva che rappresenta la compassione e quindi chi recita il suo mantra con amore e devozione sviluppa questa importantissima qualità spirituale.

L’apertura Om del mantra è il famoso mantra OM che si trova davanti a quasi tutti i mantra: Mani significa gioiello e Padme significa loto mentre Hum è un bija mantra che protegge dalla collera e dai demoni.

Quindi questo mantra mette in connessione con la saggezza (il loto) e la compassione (il gioiello). Spesso viene tradotto come “Il mio rispetto al gioiello che si trova sul loto del cuore”, che sembra essere particolarmente collegato al concetto della filosofia vedica per cui sul loto del cuore, vicino all’anima, si trova il Paramatma, la forma personale del Signore.

 

Mantra Manjushri: Om A Ra Pa Ca Na Dhih

Manjushri è il Bodhisattva che rappresenta la saggezza e quindi il suo mantra porta con sé proprio questa qualità. Nella sua manifestazione come forza archetipica viene raffigurato mentre brandisce una spada con la mano destra per tagliare alla radice l’illusione e la confusione mentale.

Nella mano sinistra tiene un fiore di loto, simbolo per eccellenza di saggezza e illuminazione.

Come spesso accade, si inizia col bija mantra OM per poi proseguire con 5 sillabe di un sillabario (nella lingua sanscrita non ci sono lettere dell’alfabeto ma sillabe) ad indicare dei suoni sacri che sintetizzano tutta la saggezza che si trova nelle scritture.

Poi viene la parola Dhih che significa pensare, meditare, riflettere, pregare, comprendere e, in senso lato, saggezza.

Infatti l’abitudine di fermarsi a riflettere o anche solo ad ascoltare attentamente è spesso considerata sinonimo di saggezza, in controtendenza con la cultura moderna occidentale in cui non si vede l’ora di dire la propria, piuttosto che meditare sulle cose e, quando si è con gli altri, ascoltare i vari punti di vista per arricchirsi.

Mantra Vajrapani: Om Vajrapani Hum

Il Bodhisattva Vajrapani è rappresentato con un fulmine nella mano destra, che serve a distruggere le tenebre dell’ignoranza, ed è circondato dalle fiamme. Ha il volto pieno di rabbia, anche se bisogna comprendere che non è rabbia alimentata dall’odio, ma dalla determinazione.

Molto probabilmente anche tu, come molti altri, penserai che questo è il mantra meno buddhista di tutti :). Ciò è dovuto al fatto che spesso e volentieri alla spiritualità si associano solo emozioni di calma e serenità. In effetti normalmente è così, ma anche la potenza infuocata a volte è necessaria nel percorso che porta alla liberazione.

mantra tibetaniIl mantra Vajrapani, considerato molto potente ed efficace, è semplicemente un’invocazione del nome che significa propriamente “colui che tiene in mano il fulmine”: quindi questo mantra conduce all’energia della mente illuminata, un’energia che è in grado di annientare l’oscurità dell’illusione con la potenza e il fuoco della mente illuminata.

Insieme con i mantra Avalokiteshvara e Manjushri, il mantra Vajrapani fa parte della trinità di Bodhisattva conosciuti come i Tre Protettori della Famiglia.


Anche nel caso dei mantra tibetani è importante seguire tutte le indicazioni di base del Mantra Yoga, pena la loro poca se non nulla efficacia. Recitare un mantra è una pratica molto potente che può velocemente cambiare la propria vita ma deve essere fatto con la giusta attitudine.

Molti mi chiedono quale sia la differenza tra i mantra buddhisti e quelli vedici. Come hai potuto vedere i matra tibetani sono per la maggior parte scritti nell’antica lingua sanscrita dei Veda e quindi sono vedici a tutti gli effetti.

Il fatto è che si pensa che le parole sanscrite, come quelle dei mantra tibetani, siano composta da sillabe che evocano l’energia del significato di quella parola, per cui nel suono c’è anche il segreto del potere del mantra.

Dunque recitare un mantra non è solo una specie di ipnotismo della mente subconscia, ma una vera e propria pulizia basata sulla vibrazione che il mantra stesso produce a livello fisico e mentale. E quindi ogni mantra, producendo suoni diversi, produce anche effetti diversi.

Ovviamente questo vale anche per i mantra tibetani, molto antichi ed appositamente creati e tramandati per avere effetti profondi sulla psiche.

Per questo semplice motivo non c’è una vera e propria differenza tra i mantra tibetani e quelli vedici, entrambi hanno lo stesso scopo, metterci in connessione con il super-io per trovare la pace, la serenità e la felicità.

PTM_Orizzontale

22 commenti

  1. Arianna

    3 mesi fa  

    Qualcuno sa come tradurre questi mantra in tibetano scritto ??


  2. Polvere di stelle

    1 anno fa  

    […] siamo la malattia, non siamo i problemi che abbiamo, non siamo le nostre paure. Si può usarlo come mantra quando – riusciti a ritagliare qualche minuto solo per noi-  ci sediamo e accendiamo qualche […]


    • simone

      8 mesi fa  

      vajrapani tiene nella mano destra un vajra o dorie a 5 punte non è un fulmine.. vajrapani può essere un buddha irato o un buddha calmo.. ed è in ordine il buddha che può indicarti l’illuminazione / insegnarti l’amore universale..


  3. rosamaria

    1 anno fa  

    buongiorno
    vorrei conoscere la traduzione del mantra lungo Arya Tara sarwa pati gyana ma tara ni Promessa della stessa Arya Madre Liberatrice
    Taya ta ,om tara tara ya,hunh hung hung ecc..
    Grazie


  4. Luigi

    1 anno fa  

    Che dire… da buddhista ambisco umilmente a praticare l’ottuplice sentiero… ma in questa via di consapevolezza, risveglio, concentrazione, di vita retta e di retta intenzione, non vedo traccia di ripetizione di mantra e men che meno che si possa provare attaccamento in queste o in altre formule puramente illusorie. Il Dharma è liberazione e risveglio.


    • Alessandro

      11 mesi fa  

      Bè, questo è Mahayana. Più vicino ai sentimenti popolari che all’insegnamento originale di Siddhatta. Sicuramente recitare mantra non è molto diverso che recitare rosari. Con tutto quello che presuppone in termini di auto-aiuto psicologico. Altra roba.


  5. Lucia Mariani

    2 anni fa  

    Per favore potreste indicarmi un mantra / preghiera per la libertà dei popoli e per la giustizia sociale nel mondo ( e anche nella mia patria… ). Vedo troppe cose brutte in Europa e nel mondo intero….
    Mi piacerebbe anche conoscere un mantra da recitare ogni giorno per liberarmi da depressione,e fobie e ritrovare me stessa. Vi ringrazio Un abbraccio di luce Lucia


    • Uberto Bellini

      1 anno fa  

      Om Loka Samastah Sukhino Bhavantu (Possano tutti i popoli vivere in serenità e pace)


    • augusta

      1 anno fa  

      Om Shanti-Om Shanti-Shanti-Shanti-Shanti Om!(un Mantyra per la Pace mentale da sc che si dice per far silenzio 🙂


    • dora

      1 anno fa  

      ciao io sono buddista e recito NAM MYOHO RENGE KYO un daimoku forte e vigoroso che aiuta ad alzare lo stato vitale e ottenere buona fortuna. da provare dai 5 minuti alle ore intere efficacissimo, io ho risolto molte cose , prima ho risolto le mie paure e infelicità. fammi sapere ciao


    • simone

      8 mesi fa  

      om vajrapani ayagriva garuda hum pe.. recitalo in posizione del loto occhi semichiusi apri il terzo e quarto chakra e dillo prima a voce e poi pensalo e visualizza vajrapani dopo un po che reciti immagina un fumo nero che esce dal terzo e quarto.. poi ripeti x tre volte io lucia mi amo per tutti i miei pregi e faccio uscire e trasformo la paura dentro di me e poi recita il mantra.. ciao da Simone se vuoi delle chiarificazioni.. inviale tramite mail un grande abbraccio di gioia



  6. simona

    2 anni fa  

    Salve, sono daverro felice di avervi trovato avrei necessita di conoscere un mantra in sanscrito…Asato mā sad gamaya
    Tamaso mā jyotir gamaya
    Mrtyor mā amrtam gamaya
    Om sānti sānti sāntih nello specifico cm è scritto magari una foto.garzie 1000


  7. silvia

    3 anni fa  

    c’e un mantra per fare uscire di casa un ex marito senza infliggermi sensi di colpa e’ un opportunista ed io le ho provate tutte


  8. Diego

    3 anni fa  

    Posso chiedere a voi per avere la corretta traduzione in sanscrito del mantra : om Vajrapani Hum?
    Non saprei di dove altro fidarmi, grazie in anticipo


  9. Pina

    3 anni fa  

    Grazie


  10. Gianluca

    3 anni fa  

    Ci sono altri mantra del Buddiamo da poter essere recitati, che lei conosce, e che possono avere una effetto di guarigione? O almeno si ritenga che lo abbiano? Saluti Gianluca
    gianlucacapodicasa.gc@gmail.com


    • Tiziano

      3 anni fa  

      Ciao Gianluca,
      sicuramente ci sono molti altri mantra Buddisti, credo comunque che i più popolari siano questi. In genere per approfondire è sempre meglio riferirsi ad un esperto, meglio se un maestro vero e proprio nella disciplina spirituale ;).


  11. tommaso

    4 anni fa  

    superlativi, cambiano la vita !


  12. Beatrice

    4 anni fa  

    Vi prego sapete scrivere in sanscrito decorativo un mantra si chiama Lead me from ignorante to truth. Dice:
    From ignorance, lead me to truth
    From darkness, lead me to light
    From death, lead me to immortality
    Om peace peace peace

    Asato mā sad gamaya
    Tamaso mā jyotir gamaya
    Mrtyor mā amrtam gamaya
    Om sānti sānti sāntih
    Ci sono alcuni puntini sopra le R e sotto una M ed una H , se avete bisogno di una foto ve la invio.
    Grazie mille


    • Klesha

      3 anni fa  

      Potresti inviarmi una foto di questo mantra?


    • Simone

      8 mesi fa  

      mi dispiace tanto carissima Beatrice ma non posso aiutarti.. prova con tara verde la prima donna illuminata nella religione mahayana che trasforma i blocchi del chakra radice e il secondo e il terzo..puoi veramente esprimere la tua vera natura femminile come amore compassione empatia e saggezza spero di esserti stato di aiuto


Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fiels are marked *

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco