Mantra Gayatri: come accedere al potere del discernimento e della lungimiranza

gayatriSicuramente tra tutti i mantra che oggi conosciamo il Mantra Gayatri è il più importante e potente. La sua origine si perde nella notte dei tempi e miliardi di persone lo hanno recitato regolarmente fin dalla nascita della civiltà.

Il Gayatri è una preghiera o meglio un inno rivolto all’intelligenza universale allo scopo di attivare nella propria vita il potere del discernimento e della lungimiranza. Da sempre infatti è stato recitato all’alba prima del sorgere del sole a simboleggiare appunto che la luce della saggezza entrando in noi disperde le tenebre dell’ignoranza.

Anche il Gayatri Mantra, come quasi la totalità dei mantra, inizia con il mantra om per poi proseguire con quattro brevi versi di un’intensità ed energia che non posso spiegarti a parole, è molto meglio che lo senti di persona, eccone un esempio:

Mantra Banner Articoli

La parola sanscrita gayatri è composta da due sillabe: “gai” che significa “cantare, o recitare cantando con una metrica precisa” e “trai” che come per la parola mantra significa “proteggere, liberare, salvare”. Quindi letteralmente parlando il mantra gayatri è un suono melodioso che ci protegge e ci libera.

Ed ecco qui il testo traslitterato in caratteri romani dal sanscrito originale:

OM

Bhur Bhuvah Svaha

Tat Savitur Varenyam

Bhargo Devasya Dheemahi

Dhiyo-yo nah Prachodayat

Una possibile traduzione del meraviglioso Mantra Gayatri è questa:

“Desidero concentrarmi e quindi ottenere

l’adorabile splendore di Savitri, la luce effulgente

dell’illuminazione e della lungimiranza,

che possa sempre risplendere nella mia mente

così come risplende nei tre mondi nel passato, presente e futuro.”

Dico “traduzione possibile” perché, come probabilmente già sai, il sanscrito è una lingua che lascia spazio a molti significati diversi, cioè con una frase sola è possibile dire molte cose, così anche il Gayatri Mantra ha molte traduzioni e diverse interpretazioni più o meno religiose e direttamente collegate ad un Dio da adorare.

Io personalmente credo in Dio e quindi a me piace pensare che Savitri è proprio lui, ma va bene anche se pensi al Sole come forza della Natura oppure semplicemente al concetto astratto dell’illuminazione, del coltivare la virtù e la saggezza.

Comunque questo mantra è in grado da solo di superare le barriere dell’ego e degli autosabotaggi interiori per accedere direttamente alla nostra sorgente interna. Secondo i Veda infatti il principale problema che ostacola la felicità dell’uomo (e della donna ;) ) è la dimenticanza della propria natura divina.

Così quella sorgente di illuminazione e di abbondanza senza fine non è nient’altro che dentro di noi, ricoperta da paure e convinzioni limitanti che non lasciano che la nostra coscienza attiva sia illuminata correttamente. In pratica la coscienza è un gioco di luci e ombre che il Gayatri può far diventare un gioco di luci e luci.

Come tutte le altre tecniche di meditazione del Mantra Yoga, è meglio se la recitazione del Gayatri Mantra viene fatta regolarmente, prendendosi seriamente un impegno di un certo numero di recitazioni al giorno o in un tempo prestabilito.

Bastano anche 10 minuti al giorno, ma fatti con molta cura e attenzione, dedicando un tempo di valore e senza fretta. Tradizionalmente il Gayatri Mantra veniva recitato al momento del sorgere e del tramontare del Sole più che ad orari fissi. Questo perché l’inno è proprio rivolto alla funzione illuminante del Sole, inteso come forza divina della Natura, sia in senso fisico che spirituale.

Molto probabilmente però questo può risultare poco pratico se hai un lavoro, una famiglia e i figli a cui badare. Io stesso, che recito questo mantra ogni giorno da ormai più di 15 anni, riesco solo raramente a farlo esattamente nei momenti del sorgere e del tramontare del sole.

Però ogni volta che ne ho l’opportunità lo faccio. Magari anche a te potrebbe capitare che ti svegli prima del solito, oppure che hai un momento di tranquillità proprio durante il tramonto.

Se recitato in questi momenti speciali questo mantra ha un effetto molto maggiore e porta più rapidamente i benefici che promette. Immagino che anche tu stia pensando: “Appunto, ma quali benefici promette?” 

Ecco cosa dicono gli antichi testi vedici a riguardo:

  • Mantiene in salute e allontana la malattia
  • Allevia e tiene lontana ogni tipo di sofferenza
  • Concede lungimiranza e discernimento
  • Dona i talenti e i poteri necessari al successo nella vita
  • Appaga ogni desiderio

Ma come è possibile che semplicemente cantando la potente formula del Gayatri Mantra si possano ottenere tutti questi benefici, anche a livello fisico?

La risposta è semplice e costituisce il fondamento di tutta la filosofia vedica. Ti chiedo di prestare la massima attenzione in questo momento, sto per svelarti qual è il segreto dei segreti e la chiave del successo dell’utilizzo dei mantra nella propria vita:

Il nostro destino è determinato in ogni momento dalle nostre scelte!

E queste scelte possono essere state fatte in questa vita o in una delle precedenti. Si tratta della legge del Karma, detta anche di “azione e reazione”, ovvero qualsiasi cosa abbiamo fatto ha una specifica reazione che noi, a conti fatti, possiamo considerare buona o cattiva. Fatto sta comunque che la reazione c’è.

La nostra mente cosciente, influenzata da quella subcosciente, prende delle decisioni e mette in atto delle azioni che poi hanno una certa conseguenza: il nostro stile di vita, le gioie e i problemi che attualmente stiamo passando non sono altro che il risultato delle migliaia e migliaia di piccole o grandi decisioni e scelte che abbiamo fatto in passato e che facciamo giorno per giorno.

Salute, benessere, prosperità e felicità sono tutti strettamente legati a queste scelte, e questo vale anche quando sembriamo obbligati a prendere certe decisioni. In quel caso, se la scelta porterà conseguenze negative, significa che in passato ne abbiamo prese delle altre che adesso rendono complicate quelle presenti.

Attenzione! Non prendere sotto gamba questa scoperta, anche se sembra così semplice, e infatti lo è, ha il potere di cambiarti la vita per sempre…

Questo senso di responsabilità delle proprie scelte e azioni è di fondamentale importanza per l’efficacia del mantra.

Il Mantra Gayatri è dunque in grado di mettere in connessione e fare pulizia in tutti e tre gli stati di coscienza permettendo di allineare le proprie scelte con chi siamo veramente nel profondo (e quindi con tutto il creato) e di determinare in automatico il migliore destino per noi e per tutti quelli che ci circondano.

Mantra Banner Articoli

Condividi questo Contenuto!

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Email
  • RSS

Commenti
  1. Grazie per queste spiegazioni; io da poco ho iniziato a conoscere i Mantra e proprio il Gaiatry Mantra è stato quello che mi è piaciuto subito proprio come ‘suono’, l’ho ‘sentito’ subito mio e me ne sono innamorata al punto di impararlo facilmente a memoria.
    Io non conoscendo nulla di quello che ho appena letto, devo dire che l’ho incominciato a recitare la mattina in macchina, nei 20 minuti per andare al lavoro; bèh devo dire che quello che ho notato subito è che la giornata lavorativa non è stata più tanto pesante, non perchè il lavoro fosse dimuinuito, anzi, ma io l’affronto in maniera diversa, con più serenità ed energia.
    A volte basta lasciar fare al nostro istinto e fare le cose che ci piacciono per stare bene, che ne dici Tiziano?
    Ti ringrazio dal profondo del cuore perchè ora ho compreso meglio il perchè di tante piccole cose. Grazie, un abbraccio con amicizia
    Rosa

    • Tiziano

      Ciao Rosa,
      sono completamente d’accordo con te. ;)

      Ritengo che aumentare la propria capacità di sentire se stessi sia estremamente importante. Quello che tu chiami istinto gli antichi saggi vedici chiamavano anima :) ed è proprio quella che normalmente è coperta dagli strati di polvere dell’ego.

      La recitazione di mantra e quindi anche del Gayatri Mantra rimuove quella polvere e fa trasparire la luce dell’anima e tutta la saggezza che naturalmente vi è contenuta.

      Grazie di cuore per la tua bellissima testimonianza, specie per il fatto che dimostra l’importanza sopra ogni cosa della motivazione sul luogo e il momento della recitazione.

  2. Mariella

    Grazie. Non so chi tu sia, però so che sei un amico.
    Un abbraccio. Mariella

  3. Maria

    Da poco ho conosciuto i mantra. Quando ho ascoltato questo ho pianto ed a volte mi succede ancora

    • Michele Ambrosio

      Ciao, scusate il disturbo, volevo solo dire che io mi sono commosso ascoltando per caso un mantra chiamato kuber mantra. Qual’è il suo significato?

      Grazie mille e scusate per il disturbo, il sito è bellissimo :)

  4. gabri

    Mi hanno consigliata di recitare il gayatri mantra
    Scusate la mia ignoranza, ma va recitato cantando e in lingua originaria?
    e grazie per le informazioni dettagliate sul significato della recitazione del gayatri mantra

  5. Sergio

    Personalmente sono stonato, dunque i mantra li “recito”. Ad ogni modo è bene recitarli o cantarli in sanscrito, pronunciando bene ogni sillaba. Tuttavia non è ancora questa la vera pronuncia. Cominci con la recitazione verbale. Continui con quella sussurrata e concludi con la recitazione puramente mentale, che è considerata la più efficacie. Tuttavia ancora non ci siamo. La recitazione mentale va continuata sino a che la recitazione stessa trascende la mente penetrando in uno strato più profondo del nostro essere. In quel momento il nostro japa o ripetizione diviene “ajapa japa”, cioè ripetizione senza ripetizione”: il mantra viene ripetuto spontaneamente da una zona “subliminale in noi” e la nostra consapevolezza ne è testimone. Attenzione, non si tratta della ripetizione ossessiva come quando una canzonetta sentita nella pubblicità non lascia in pace la nostra mente. L’ajapa japa è qualcosa di non ossessivo, è qualcosa a cui la nostra consapevolezza aderisce gioiosamente senza costrizioni. E’ in quel momento che il mantra manifesta la sua potenza

LASCIA IL TUO COMMENTO

Email
Print